Porti

I principali porti dell'Albania sono:

  • Durazzo
Il porto di Durazzo si trova nel sud del mare Adriatico, a sud del comune albanese di Durazzo, nella parte settentrionale della baia di Durazzo, la quale ha circa 18 km di lunghezza da nord a sud, con una costa di circa 7 km a est. A ovest della linea di galleggiamento è superiore a 10 m di profondità. La baia di Durazzo è ben protetta dalle onde anomale e fornisce riparo da est fino a nord-ovest. Nel 2011 il porto ha subito una grande ristrutturazione del fabbricato per i passeggeri, l'accessibilità dei veicoli e dei passeggeri a piedi diventando così uno dei porti migliori dell'Adriatico superando anche il porto di Bari come comfort. Collegamenti dal porto di Bari operati da:  
  • Valona
Secondo scalo più importante dell’Albania – dopo quello di Durazzo -, il porto di Valona è ideale per tutti quei turisti intenzionati a raggiungere comodamente le belle località balneari della costa meridionale. Il porto gode di una posizione geografica ottimale, ad appena 150 chilometri di distanza da Tirana, direttamente affacciato sulla costa bagnata sia dal Mar Adriatico sia dal Mar Ionio, oramai meta prediletta dai turisti di tutte le nazionalità. Le rotte marittime per VALONA sono servite dalle compagnie di navigazione A-ships Management e European Ferries.
  • Saranda
Le rotte marittime da SARANDA sono servite dalle compagnie di navigazione Finikas Lines, Ionian Seaways, Red Star e Ventouris Ferries. L'unica tratta disponibile per il porto di Saranda è dal porto di Bari
  • Shengjin
Il porto di Shengjin, il più settentrionale dei quattro scali dell’Albania, situato a sole 10 miglia dal confine montenegrino è, al momento, uno scalo di modeste proporzioni. Attualmente, le sue calate hanno una lunghezza limitata e, pertanto, non è ancora in grado di accogliere navi di capacità superiore alle 5.000 tonnellate. Tuttavia, in seguito agli imminenti investimenti che verranno impiegati al fine di migliorare le infrastrutture portuali, le sue dimensioni saranno, nell’arco di alcuni anni, destinate ad aumentare. “Sarà un porto” secondo le parole Arben Ahmetaj “che potrebbe servire non solo all’Albania ma anche al Kosovo, alla Serbia, alla Bulgaria e a tutta la regione”.